IL MONDO DI HORTEN – PRIMISSIME

HortenUna finestra sull’assurdo del mondo ma anche epifania, senza poeticismi, sulla rinascita di una vita. Assolutamente da vedere

Bent Hamer torna alla sua Norvegia, già ritratta per esempio in Kitchen Stories (il film che lo ha reso noto al pubblico nel 2003), dopo la parentesi hollywoodiana e bukowskiana di Factotum, e lo fa con una sorta di fiaba sulla senilità. Ne è protagonista Odd Horten, da tutti o quasi chiamato semplicemente Horten, prossimo alla pensione e dunque alla fine di un viaggio, nel suo caso letteralmente trattandosi di un macchinista che ha condotto treni per tutta una vita. Si aggira silenzioso, vagamente spaesato e, tra un atto mancato e l’altro, vede i suoi pochi progetti infrangersi. Finisce poi per imbattersi in personaggi e situazioni sempre più surreali, principalmente notturne, come la notte passata intrappolato in casa d’altri o passeggero sull’auto di un amico, che guida incappucciato e alla cieca. Un crescendo che non viene sottolineato in alcun modo dalla messa in scena di nordica impassibilità. Il risultato è originale e divertente, finestra sull’assurdo del mondo ma anche epifania, senza poeticismi, sulla rinascita di una vita. E anche se l’ottimismo separa Hamer da Kaurismäki, alcune battute non sfigurerebbero nella filmografia del regista finlandese, per esempio: «L’alcol mi tiene sobrio».

Andrea Fornasiero da FilmTv

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: